Perché non c’è il fasciatoio nel bagno degli uomini?

Sto per rivelarti una verità che probabilmente “i poteri forti” hanno provato a tenerti nascosta: anche gli uomini possono cambiare un pannolino. Stai sicuramente riflettendo sulla grande ovvietà che ti ho appena condiviso eppure, se ci pensi bene, ti è sicuramente difficile nominare 3 attività commerciali presso le quali è possibile trovare un fasciatoio nel bagno degli uomini. Strano, vero?.

Il fasciatoio è nel bagno giusto?

Se questo argomento fosse trattato all’interno di una puntata del talent show televisivo MasterChef, Joseph Bastianich sarebbe di fronte ad un concorrente e gli chiederebbe: “Puoi dire me quali elementi servono per cambiare uno pannolino?”. Silenzio in studio, tutti si guardano mentre lentamente, la telecamera principale va in zoom sul volto agitato dello sfortunato concorrente.
Te lo dico io my friend” incalzerebbe Mr Joe, “Per cambiare un pannolino serve uno bambino, un fasciatoio e un adulto”.
Ed è vero, in un’ottica puramente analitica, per cambiare un pannolino è necessario un individuo in grado di compiere il gesto tecnico, un piano di appoggio ed un bambino. Non c’è una regola per la quale questo individuo debba essere necessariamente e categoricamente una donna.

Ma allora perché i fasciatoi vengono collocati solamente nel bagno delle donne?

Sicuramente la colpa è da attribuire quasi completamente ad Adam Sandler, attore protagonista del film Big Daddy responsabile di aver portato sul grande schermo un’idea furviante delle abilità pupo-gestionali dei papà di tutto il mondo. Il resto della colpa è da spartire equamente tra le altre grandi produzioni Hollywoodiane e ai film del nostro paese, nei quali viene spesso proposta la simpatica gag in cui il papà di turno, intento a cambiare il vivace protagonista col pannolino, per la sua inesperienza viene colpito da secrezioni di vario e colorato tipo proprio mentre utilizza il fasciatoio.

La parità di genere vale anche per i papà che desiderano accedere al fasciatoio?

Siamo testimoni di cambiamenti radicali del concetto stesso di “famiglia” frutto di battaglie che hanno portato alla conquista di diritti e possibilità che fino a poco tempo fa erano preclusi a papà, mamme e anche a bambini. In tutto questo progresso, ci siamo però lasciati sfuggire il ruolo della mamma che per un obsoleto, quanto infondato, preconcetto è comunemente individuata come “il genitore che si occupa dei figli”. Mi immagino che un giorno particolarmente cupo e tenebroso, il capo di tutti gli architetti del mondo si sia svegliato e abbia deciso che da quel momento in poi, tutti i fasciatoi sarebbero stati ad uso esclusivo delle mamme. Mi immagino poi che il capo di tutti gli studiosi del corpo umani, un giorno abbia sentenziato che solo le mamme possono cambiare un pannolino perché i papà, non hanno la predisposizione biologica per occuparsi di compito così esclusivo. Mi immagino altresì, il responsabile della sicurezza delle forniture Ikea che in una grande riunione afferma: “Bisogna scrivere sulle istruzioni di montaggio che per ragioni di sicurezza è vietato collocare il fasciatoio nel bagno degli uomini, potrebbe esplodere!”.

Io però, queste ragioni posso solo immaginarle proprio come si immagina un drago che rapisce una principessa e la nasconde nel suo castello. Le immagino, perché mi viene difficile pensare a ragioni valide per rendere complicato l’accesso al fasciatoio ai papà di tutto il mondo.

#iocambio l’hashtag per rendere il fasciatoio accessibile ai papà

Nella maggior parte dei casi, se sei un uomo e hai necessità di usare un fasciatoio, devi passare dal bagno riservato alle donne. Questo però, crea non pochi disagi sia alle donne che devono utilizzare i servizi sia al papà che deve usufruire del fasciatoio senza sembrare un maniaco uscito da un film di Pierino ambientato negli anni ‘80. Per questo motivo è stato pensato l’hashtag #iocambio per mettere in evidenza questa mancanza e per sensibilizzare l’opinione pubblica a questa tematica. Per avere più informazioni su questa iniziativa ti invito a visitare il sito www.onalim.it . Noi come Bar Papà abbiamo collaborato attivamente a questo progetto, anche durante la Prima fiera dei papà (se non sai cosa sia, dai una occhiata) con le Olimpiadi del pannolino.

Può un papà usare il fasciatoio?

Ho provato a chiedermelo in modo ironico all’interno di questo articolo ed ora, facendomi più serio, lo chiedo a te: perché i papà non hanno accesso al fasciatoio? Se hai una risposta a questa domanda, scrivimelo come risposta a questo articolo sui canali social di Bar papà.

Andrea Lamonica

By |2020-12-07T08:42:42+01:008 Dicembre, 2020|Blog, l'esperto|0 Commenti

Scrivi un commento